Picasso: una mostra a Roma ripercorre il suo viaggio in Italia

140
0
CONDIVIDI

La sua Arte è quanto di più lontano si possa pensare dal dandismo, eppure la sua figura d’artista lo portò, con molto anticipo su tutti, a ritagliarsi un proprio brand visuale. Una mostra a Roma ripercorre uno dei periodi più significativi.

Se si pensa a Picasso le prime due immagini che vengono in mente sono quelle del suo celebre dipinto “Guernica” e l’altrettanto celebre fotografia (scattata da Robert Capa) dove è ritratto mentre mantiene l’ombrellone sulla testa di Francoise Gilot, su un’assolata spiaggia della Costa Azzurra nel 1948.

Queste due immagini dicono molto sulla figura di un’artista che, primo fra tutti, ha riconosciuto nella modernità la possibilità di costruire un’immagine personale dell’artista che fosse significativa tanto quanto la propria produzione pittorica.

È la creazione di un brand visuale, di una “stile” che nel caso dell’artista spagnolo non voleva avviare mode o modi di presentazione codificabili e massificati, ma restare sempre al di sopra di qualsiasi immaginario visivo contestualizzabile. In questo Picasso è stato, in una sua originalissima forma, un personaggio dandy se si vuole, probabilmente molto più nel concetto che nella forma.

Un’importante mostra a Roma, alle Scuderie del Quirinale, prende in esame uno dei periodi più complessi del padre del cubismo, ovvero quello del suo viaggio in Italia, tra il 1917 ed il 1918, nel quale scoprì Firenze e il Rinascimento, Pompei e l’antichità e Napoli e le sue maschere.

Perché quel viaggio fu compiuto da Picasso proprio per studiare a fondo il Teatro, accompagnando Jean Cocteau attraverso il Belpaese mentre preparavano, assieme, le scene di “Parade”, spettacolo portato in Scena proprio in quegli anni, su musiche di Erik Satie. Ovviamente in questo suo viaggio Picasso trovò anche l’amore, uno tra i molti della sua vita, la ballerina Ol’ga Khochlova che sposerà l’anno dopo…

Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925; Roma, Scuderie del Quirinale, fino al 21 gennaio 2018

LASCIA UNA RISPOSTA