Il fazzoletto da taschino: la pochette

2045
0
CONDIVIDI

Icona dello stile dandy, il fazzoletto da taschino, detto più propriamente pochette, compare nell’abbigliamento maschile intorno al XIX secolo come accessorio dell’alta borghesia.

Rispetto al suo predecessore il fazzoletto da taschino si distingue per le misure ridotte, indicate dapprima su un formato 40 X 40 centimetri, e poi ridotto ancora ad un 33 X 33. Il formato quadrato è indispensabile per ottenere le diverse forme dovute alle pieghe che si effettuano sul fazzoletto, apparendo ora come segno minimale che emerge appena dal taschino della giacca, oppure conferendogli maggior volume con una piega “a sbuffo”; in tal caso la pochette andrà impugnata al centro e sollevata, ripiegando gli angoli inferiori verso l’alto, in modo da creare un piccolo fagotto.

Occorre tuttavia prestare molta attenzione all’abbinamento di colori e fantasie per questo oggetto che, in quanto accessorio, non deve mai essere appariscente pur senza risultare inutile o banale; insomma, occorre trovare un giusto equilibrio tra le parti e fare in modo che la pochette non catalizzi tutta l’attenzione su un ridotto fazzoletto della nostra immagine, ma al contrario risulti come un tocco di eleganza capace di essere notato soltanto da chi ha l’occhio abituato ai piccoli dettagli…

I principali riferimenti per abbinarlo al resto dell’abbigliamento sono rappresentati dalla giacca e, soprattutto, dalla cravatta. I rimandi tra la pochette e la cravatta sono essenziali per rafforzare l’immagine, ma non devono essere banali: sono assolutamente da evitare abbinamenti dello stesso colore e soprattutto della stessa stoffa. Anche una variazione tonale di una stessa gamma cromatica, dovuta proprio all’impiego di  stoffe diverse tra cravatta e fazzoletto, può generare un buon effetto, ma generalmente questa mossa riesce soltanto con colori molto tenui, pastello.

I motivi e le fantasie delle cravatte possono avere a loro volta rimandi sul fazzoletto, a patto che questi trovino una “variazione sul tema” rispetto a quelli riportati sulla cravatta; per intenderci, se una cravatta ha una fantasia rossa su un fondo ocra, si potrà magari declinare la pochette con una fantasia simile ma su un altro sfondo…

LASCIA UNA RISPOSTA